Mutui, tassi fermi ma lo spread quanto ci costa?

I tassi di interesse sono al palo e il prossimo mese potrebbero addirittura scendere ma intanto le famiglie italiane vedono lievitare il loro mutuo, perchè?

La causa sembra essere proprio lo spread che è in continuo aumento proprio a causa della crisi che ha colpito gli istituti bancari che ora “offrono” il loro denaro ad un prezzo più alto. E’ la stessa ABI a spiegarlo sottolineando il fatto che i tassi sono in salita anche nel mese di settembre e che nel mese di agosto hanno registrato un interesse medio del 3,5%.

Dall’ altro lato però l’ Euribor a tre mese ad agosto ha registrato un calo dell’ 1,55% e l’ IRS a dieci anni un calo al suo minimo storico, 2.9%.

Un’ altra delle ragioni che spingono le rate del mutuo è che anche il numero delle famiglie passate da tasso variabile a fisso a causa della frenesia del mercato  e della possibilità, adesso remota, di un rialzo dei tassi. Questo significa che i tassi medi sono aumentati visto che i mutuari a tasso fisso sono cresciuti.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 29/09/2011
Categoria/e: Mutui, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655