Crisi, accordo su Fondo Salva Stati e mazzata per i Bond Greci

E’ arrivata a notte inoltrata la soluzione che i leader europei hanno trovato per salvare l’ Europa e i Paesi che la compongono.

I leader sono riusciti a trovare un accorso su un pacchetto completo che riguarda i bond greci, il fondo salvastati e la ricapitalizzazione delle banche. Proprio queste ultime, entro la fine di giugno 2012, vedranno piovere nelle loro casse 106 miliardi di euro, 14,7 miliardi per quelle italiane e per un totale di 90 Istituti in tutto il Vecchio Continente, il tutto per portare il coefficiente patrimoniale al 9%.

Le banche dovranno impegnarsi a trovare capitali propri attraverso ristrutturazioni e cartolarizzazioni e solo in seguito potranno chiedere l’ aiuto dello Stato e del fondo  salva-Stati Efsf. Il Fondo salvastati sarà dotato fino a 1000 miliardi di euro di mezzi reperiti dalla vendita di assicurazioni sull’eventuale default di titoli dei Paesi dell’eurozona.

Ed ecco, infine, la mazzata dei bond greci i cuoi possessori, soprattutto quelli privati, dovranno accettare volontariamente una riduzione del 50% del valore nozionale.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 27/10/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655