Piazza Affari in rosso, superata quota 17.000 ma per poco

Apertura euforica in questa fine di ottava, ma la gioia dura poco tant’è che gli indici viaggiano ora in parità o addirittura in negativo.

Dopo il balzo in avanti di ieri dovuto all’ euforia sulla scia dell’ accordo UE per salvare Stati in banca rotta e Istituti Finanziari, oggi gli investitori tornano dubbiosi soprattutto dopo le parole di Sarkozy che ha sottolineato il fatto che la Grecia è stata salvata per non permettere all’ Italia di fare la stessa fine. Dopo una partenza in rialzo di mezzo punto percentuale, gli indici tornano a scendere e pochi minuti fà il Ftse Mib è tornato sotto i 17.000 punti con un -0,14%, il Ftse All Share segna un ribasso dello 0,13% a 17.704 punti e il Ftse Mid Cap viaggia pressochè in parità ma comunque con una tendenza al ribasso.

Tra i titoli positivi possiamo evidenziare Tenaris, Autogrill, Tod’s e Saipem con rialzi tra uno o due punti percentuali. Tra i bancari spicca Intesa San Paolo con un +2%. In profondo rosso troviamo Banca Popolare di Milano che perde oltre 10 punti percentuali. Ma anche Fiat con un -4,94%, Fiat Industrial con un ribasso di due punti e tra i bancari scendono anche Banco Popolare e Banca Popolare Emilia Romagna con ribassi intorno ai 4 punti. 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 28/10/2011
Categoria/e: Borsa Italiana, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655