Grafici trading, le regole generali di interpretazione degli oscillatori

 Quando l’indicatore raggiunge i valori estremi della banda di oscillazione generalmente il movimento dei prezzi è troppo esteso o si è verificato in un tempo troppo ristretto rispetto alla sua entità e perciò è possibile una correzione o una fase di consolidamento del trend.

A tale immediata considerazione è poi possibile far seguire alcune tecniche di utilizzazione degli oscillatori forse più sofisticate ma certamente più efficaci. Vediamo in breve alcuni principi da seguire per una corretta interpretazione degli indicatori algoritmici:

1 – Le indicazioni fornite da questi strumenti sono molto attendibili quando il valore degli oscillatori è vicino ai punti estremi della banda di oscillazione. Il mercato si dice ipercomprato quando l’indicatore oscilla nell’area estrema verso l’alto e ipervenduto nel caso opposto. Tale indicazione sostanzialmente tende ad evidenziare come il trend stia attraversando una fase di elevata vulnerabilità.

2 – Il superamento della linea dello zero può fornire un’indicazione significativa riguardo alla direzione del movimento dei prezzi.

3 – Una divergenza fra l’oscillatore e la linea dei prezzi, quando il primo si trova in una posizione estrema, costituisce solitamente un avvertimento importante.

4 – La perforazione di una linea di supporto o il superamento di una linea di resistenza così come il completamento di un modello grafico, possono anticipare i futuri comportamenti dei corsi rispetto alle medesime linee.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 10/11/2011
Categoria/e: Guida, Primo piano, Trading Online.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655