Crisi, gli italiani devono vedersela anche con lo Spread

Come se non bastassero nuove tasse, pensioni a rischio, mancanza di lavoro, redditometro e la scomparsa di incentivi e contributi, ora gli italiani devono fare i conti con lo Spread. Ancora guai dovuti ad una mala gestione delle finanze e a mancati controlli sulle varie bolle speculative degli ultimi anni.

Intanto tocca a noi mettere la mano al portafogli mentre i leader restano leader. La nuova minaccia è proprio la salita senza freni dello Spread che rischia anche di mandare in fumo il recente taglio dei tassi di un quarto di punto. Mentre le borse oggi sembrano essere tornare positive dopo il tonfo di ieridall’ altro lato abbiamo un nuovo record dello spread a 570 punti base e per il Btp a 5 anni con un rendimento salito fino al 7,80%, quelli a due anni al 7,36% e quello a 10 anni al 7,39%, con uno spread di 570 punti base.

Non ci resta altro che attendere che questa Legge di Stabilità e i conti pubblici possano fare in modo che le cose tornino al loro posto o almeno smettano di salire oltremodo.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 10/11/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655