Piazza Affari non si tira sù, è ancora profondo rosso

Niente riesce a tirare sù Piazza Affari e dopo il benvenuto a Mario Monti con un’ apertura positiva di ieri mattina che aveva fatto ben sperare, si è tornati nel profondo rosso. Dopo le chiusure negative di Wall Street e di Tokyo, anche oggi Piazza Affari perisce sotto una pioggia di vendite.

La situazione economica e politica del Paese ancora non convince e, dopo l’ arrivo di alcuni trimestrali importanti in rosso, a Piazza Affari questa mattina si vende. Qualche minuto fà il Ftse Mib, che continua la sua discesa rispetto all’ apertura, segnava un calo del 2, 19% a 15,126 punti, il Ftse Alla Share segna un calo dell’ 1, 94% a 15.929 punti e il Ftse Mid Cap e Small Cap segnano un ribasso di poco più di un punto percentuale.

In positivo, anche se di pochissimo, rimangono solo Campari e Luxottica mentre in negativo troviamo tutti gli altri titoli. Ad aprire la lista c’è Finmeccanica che dopo i conti disastrosi adesso in borsa segno un ribasso del 14%. Nella lista nera non mancano i bancari con Unicredit in calo di sei punti percentuali e a seguire Banca Popolare di Milano con un 4,28% in meno e Intesa San Paolo  con un calo di 3 punti.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 15/11/2011
Categoria/e: Borsa Italiana, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655