Grafici trading, la teoria delle divergenze

Analizziamo adesso  le  divergenze fra il grafico dell’oscillatore ed il bar chart.

 Le divergenze descrivono una situazione in cui la linea dell’oscillatore e la linea dei prezzi hanno tangenti con inclinazione opposta.

In un mercato al rialzo, quando l’indicatore si trova in piena zona d’ipercomprato e al raggiungimento da parte dei prezzi di un nuovo massimo, non segue un parallelo comportamento sul grafico dell’oscillatore, alla perforazione del minimo formatosi tra i due picchi discendenti di quest’ultimo si ha il completamento di un divergenza ribassista.

Dal lato opposto, qualora ci si trovi in netta area d’ipervenduto e ad un nuovo minimo dei prezzi non segna un corrispondente ulteriore minimo dell’indicatore di momentum, al superamento sul grafico di quest’ultimo del picco presente fra gli ultimi due minimi ascendenti risulta completata una divergenza rialzista. Un secondo tipo di segnale forse meno affidabile di quello fin qui descritto, si verifica quando la linea dell’oscillatore rompe un picco o un minimo importante prima che i prezzi facciano altrettanto.

In un trend al rialzo, ad esempio, i massimi e i minimi che si registrano nell’oscillatore coincidono con i rally e le correzioni del trend disegnate sul bar chart. Se la linea dell’indicatore scende al di sotto di un minimo significativo precedentemente toccato, questo fatto è spesso preludio a una inversione del trend dei prezzi. Viceversa, il superamento di un precedente massimo da parte dell’oscillatore in un movimento dei corsi al ribasso potrebbe anticipare l’inizio di una nuova fase al rialzo.

E’ importante che tali segnali si verifichino nelle zone vicine ai valori estremi dell’indicatore. La divergenza nell’RSI ad esempio, è significativa solo quando si verifica sopra il livello di 70 o sotto il livello di 30. Importanti distinzioni, comunque, possono essere fatte a seconda del mercato analizzato o del lasso temporale utilizzato. Ogni mercato, infatti, presenta differenti livelli di ipercomprato e di ipervenduto ed inoltre, la valenza di ogni divergenza dipende dalla velocità o lentezza dell’indicatore.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 17/11/2011
Categoria/e: Guida, Primo piano, Trading Online.



Lascia un commento


SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2014 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655