Imprese e famiglie in crisi, parole della Banca d’ Italia

Siamo in profonda crisi e se ancora avevate dei dubbi ecco arrivare nuovi, significativi, dati da parte della Banca d’ Italia.

Secondo le cifre disponibili gli effetti della crisi sulle imprese e sulle famiglie sono davvero devastanti soprattutto alla luce delle diffcoltà che si riscontrano nel pagamento dei finanziamenti e dei prestiti avuti dalle banche.

Le somme non restituite dai clienti, infatti, sono passate da 72,9 miliardi di euro a 102 in un solo anno, ovvero dal settembre 2010 al settembre 2011, con un aumento del 39,9%. La metà dei prestiti non rimborsati sono a carico di imprese mentre il resto spetta alle famiglie sempre più in crisi soprattutto nel pagare le difficoltà nel pagare le rate dei mutui. Le famiglie italiane sono in debito di 24 miliardi rispetto ai 16,4 miliardi di settembre prossimo. Queste condizioni inseme a quelle relative ai titoli di stato potrebbero mettere in ginocchio definitivamente le Banche e mandare in tilt i Paesi. Franco Passacantando, responsabile dell’ area banca Centrale di Bankitalia, ha spiegato che le “banche italiane che hanno una raccolta meno sensibile all’ andamento dei mercati rispetto alla media europea, possono affrontare le tensioni sull’ interbancario e sulla liquidità”.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 21/11/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655