Rating, nuovi tagli per Ungheria e Portogallo

Ancora brutte notizie per la Vecchia Europa che cammina ormai a stento. Nessuno vuole ammettere che il progetto europa è fallito e che, dopo aver rovinato le famiglie con l’ introduzione della moneta unica, anche gli Stati sono finiti sull’ orlo del baratro.

Continuano così i tagli dalle agenzie di rating che ormai infieriscono su una bestia già molto ferita. Fitch ha tagliato il rating del Portogallo a “junk” (spazzatura) e il giudizio su Lisbona scende così a ‘BB+’ da ‘BBB-’ con outlook negativo. La decisione è stata presa a causa degli “squilibri fiscali, l’elevato indebitamento in tutti i settori e le avverse prospettive economiche” inseriti in un più ampio quadro economico europeo disastroso.

Come se non bastasse un’altra brutta notizia arriva da Moody’s che, nella tarda serata di ieri, ha tagliato il rating sul debito sovrano dell’ Ungheria  che passa da Baa3 a Ba1 mantenendo l’outlook negativo. Anche in questo caso la motivazione è  la crescente incertezza sulla realizzazione del consolidamento fiscale a medio termine.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 25/11/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655