Piazza Affari in rosso, i bancari nel mirino

Dopo i rialzi di ieri c’era da aspettarselo. Dopo un’ apertura incerta gli inidici prendono la via del ribasso sotto i colpi delle prese di posizione di ieri. Naturalmente dietro a tutto c’è sempre una paura generale di una recessione che non riguardi solo il nostro Paese ma tutta l’ area euro.

Dopo il balzo di ieri intorno ai 4 punti percentuali e la chiusura positiva di Tokyo di questa mattina, pochi minuti fà il Ftse Mib segnava un ribasso dell’ 1,06% a 14.423 punti, il Ftse All Share segnava un calo dell’ 1,03% a 15.164 punti mentre il Mid Cap segna un calo di un punto e lo Small Cap è quasi invariato.  Tra i titoli in positivo spicca ANSALDO STS che corre al rialzo di quasi 3 punti percentuali grazie all’ accordo raggiunto con la Honolulu Authority for Rapid Transportation per la nuova metropolitana nelle Hawaii. Seguono Finmeccanica con un +2,14%, Luxottica con un +1,21% e Parmalat e Pirelli con rialzi tra il mezzo punto e il punto percentuale.

In ribasso troviamo i bancari con Mediobanca, Ubi banca, Unicredit e Banca Popolare Emilia Romagna che perdono tra i due e i due punti e mezzo percentuali.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 29/11/2011
Categoria/e: Borsa Italiana, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655