I cambi a termine (forward)

Il mercato dei cambi a termine (forward) include tutte le operazioni di negoziazione di divisa quali acquisti e vendite con valuta di regolamento diversa dallo spot, con scadenze stabilite e con un cambio prefissato.

Un’operazione “a termine” può essere definita come un contratto tramite il quale le parti si accordano per scambiarsi una quantità di una valuta contro un’altra, a una scadenza futura ed a un prezzo predefiniti.

Se il differenziale di tassi tra le valute è positivo, il prezzo a termine sarà minore del prezzo a pronti cioè a sconto. Se invece il differenziale tassi è negativo, il prezzo a pronti sarà superiore del prezzo a termine cioè a premio.

Le operazioni a termine vengono trattate OTC (over the counter), ovvero in un mercato non regolamentato, dove i market maker che quotano le scadenze ne garantiscono anche la liquidità.

Questo contratto è spesso usato per strategie di copertura del rischio di cambio. Ad esempio, un’impresa italiana che importa beni dall’America deve pagare 1.000.000 di dollari tra due mesi alla consegna dei beni. Per fissare il prezzo da pagare, l’azienda acquista oggi 1.000.000 di dollari contro euro a due mesi sul mercato a termine; l’azienda ha quindi reso certo l’ammontare in euro.

Le scadenze del termine sono generalmente da 1 a 18 mesi.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 01/12/2011
Categoria/e: Guida, Primo piano, Trading Online.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655