Piazza Affari in parità, Dati UE e agenzie di rating fanno ancora paura

Dopo il balzo di ieri in avanti per gli indici e indietro per lo Spread che ha perso oltre 80 punti in una sola seduta per via della manovra economica, tornano le vendite oggi in Europa e a Piazza Affari. A fare paura ci sono i tanto attesi dati sulla situazione occupazionale europea che potrebbe influenzare ancora le agenzia di rating.

Proprio in quest’ ottica si è mossa ieri sera Standard & Poor’s che ha annunciato di avere posto sotto osservazione per un possibile downgrade 15 Paesi della zona euro tra cui anche Germania e Francia che potrebbero perdere la Tripla A. Le vendite sono partite già prima dell’ apertura e la giornata potrebbe cambiare solo con l’ arrivo di dati che possano confermare o almeno far sperare in un cambio di tendenza.

Solo pochi minuti fà gli indici sono tornati alla parità e sia il Ftse Mib che il Ftse All share sono in rialzo di circa lo 0,10%. Positivi anche lo Small Cap e il Micro Cap con rialzi intorno al mezzo punto.  Tra i titoli positivi ancora i bancari con MPS in rialzo di oltre 3 punti percentuali, seguito da Banca Popolare con un rialzo di due punti e da Intesa San Paolo di un punto. In rialzo anche Impregilo (+1,29%) e Lottomatica (+1,89%).

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 06/12/2011
Categoria/e: Borsa Italiana, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655