I domestic currency swap

Il contratto a termine (forward) prevede a scadenza lo scambio delle valute fra le parti; è comunque frequente che vengano scambiate solamente le differenze. In questo caso si tratta di D.C.S. e di N.D.F.

 D.C.S.

Il Domestic Currency Swap è un contratto derivato per il quale due parti si impegnano a versare o riscuotere ad una certa data un importo calcolato in base al differenziale del tasso di cambio contrattuale e di quello corrente alla data di scadenza dell’operazione.

Il Domestic Currency Swap è nato quando sui contratti a termine era necessario pagare il “fissato bollato” ed esistevano vincoli di utilizzo Con il D.C.S. infatti, le operazioni a termine in valuta venivano modificate di modo che alla scadenza venisse scambiato solo il differenziale.

N.D.F.

I Non Deliverable Forwards sono contratti a termine che non prevedono uno scambio effettivo alla scadenza delle due valute del contratto, ma solamente lo scambio dei differenziali di cambio denominati in una valuta forte che non è necessariamente l’euro.

Questi contratti sono molto usati nei mercati delle divise esotiche.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 08/12/2011
Categoria/e: Guida, Primo piano, Trading Online.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655