Forex, il mercato delle opzioni

 Le opzioni si sono sviluppate analogamente nel mercato OTC e nei mercati regolamentati.

L’opzione è un contratto che attribuisce all’acquirente, dietro pagamento del premio, il diritto di comprare (opzione call) o di vendere (opzione put), l’attività finanziaria sottostante,  ad un determinato prezzo (strike price), ad una determinata data futura (opzione europea) o entro una determinata data futura (opzione americana).

Il venditore di un’opzione cede questo diritto, quindi il venditore di un’opzione venderà (call) o comprerà (put) un’attività finanziaria ad un dato prezzo (strike price) solo se il compratore di quell’opzione eserciterà il diritto. Nel mercato OTC, la liquidità sulle opzioni è garantita da banche e broker. Al Chicago Mercantile Exchange (www.cme.com), vengono trattate le opzioni sui future delle principali valute.

Un contratto di opzione può essere stipulato sui cambi. I contratti “tipo” sono i seguenti:

  • Opzione call – Per convenzione si intende il diritto di acquistare la prima divisa del rapporto (numeratore) vendendo il controvalore della seconda (denominatore) allo strike price a o entro una certa data. Nel caso di una call sull’eur / usd questa conferisce il diritto di acquistare euro vendendo il controvalore in usd allo strike price: quest’opzione è anche chiamata eurcall/ usdput.
  • Opzione Put – Assegna il diritto di vendere la prima divisa del rapporto (numeratore) comprando il controvalore della seconda (denominatore) allo strike price a o entro una certa data. . Nel caso di una call sull’eur / usd questa attribuisce il diritto di vendere euro comprando il controvalore in usd allo strike price: quest’opzione è anche chiamata eurput/ usdcall.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 15/12/2011
Categoria/e: Guida, Primo piano, Trading Online.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655