Recessione, l’ Italia frena. Pil in discesa

A quanto pare i primi segnali della recessione ci sono tutti e il prossimo anno, il 2012 potrebbe essere davvero cruciale per l’ Italia e per la zona euro.

Se la crisi dei mercati finanziari, del lavoro e dei consumi non bastava ecco che il colpo di grazia arriva dal Prodotto Interno Lordo che, per la prima volta dal 2009, fà una frenata brusca con dati più neri di quelli previsti. Una discesa che si è già registrata nel trimestre luglio-settembre quando il Pil ha segnato una contrazione di 0,2% dal +0,3% del secondo trimestre 2011. La domanda interna ha avuto un contributo negativo sul Pil dello 0,4%, al netto delle variazioni dei magazzini, mentre i consumi privati hanno contribuito con un -0,1% a differenza delle esportazioni nette che hanno segnato un +0,8%.

Le previsioni, però, indicavano una flessione dello 0,1% o addirittura un andamento piatto nel terzo trimestra che invece non c’è stato e questo significa solo una cosa: il Paese è in recessione o è sull’ orlo di cadere e “La contrazione del Pil è uno scenario con cui ci confronteremo nei prossimi 3-4 trimestri”(Paolo Mameli di Intesa SanPaolo).

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 22/12/2011
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655