L’Ism scongiura la recessione americana

L’indice ISM manifatturiero americano è uscito la settimana passata con un dato positivo ed al di sopra delle attese.  I 53.9 punti confermano la risalita in atto dai 50.6 di luglio 2011 e quindi scongiurano, almeno per ora, una caduta in recessione dell’economia a stelle e strisce.

Come si vede dal grafico infatti negli ultimi 25 anni le recessione Usa sono sempre state anticipate da una caduta sotto i 50 punti.

 Andando a leggere le varie sottocomponenti dell’indice notiamo che il tasso di espansione dell’attività è il maggiore degli ultimi 6 mesi, con una pressione dei prezzi ancora bassa (sotto 50), con una sostanziosa ripresa di produzione e nuovi ordini (59 e 57), un tasso occupazionale in miglioramento graduale (55) e con un ristagno delle esportazioni (53). Sarà interessante verificare i risvolti di questa fase di ripresa anche sui dati della disoccupazione e delle vendite al dettaglio, una conferma che avvalorerebbe la tesi di chi vede nella politica monetaria della Fed l’unica cura per uscire dalla stagnazione, almeno nel breve periodo.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 06/01/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655