Messaggi confortanti dal Phily Fed americano

Il Phily Fed è uno dei primi indici regionali stilati dalla Federal Reserve che esce nel mese di gennaio e che permette di capire come le aziende americane del distretto atlantico hanno cominciato il 2012.

Le attese erano per una stabilizzazione e difatti l  il dato è uscito a 7.3 punti rispetto al precedente 6.8. Importante come sempre il dettaglio delle sottocomponenti.

Sul fronte prezzi si registra ancora una pressione al rialzo dei prezzi pagati dalle imprese causa i costi energetici, a livello di occupazione i buoni segnali del fine 2011 si mantengono tali anche a gennaio dove si è registrato il valore massimo degli ultimi 6 mesi, a livello di ordini arrivano invece le note dolenti.

I nuovi ordini sono infatti scesi di quasi il 30% rispetto a dicembre ed un calo analogo lo abbiamo nelle spedizioni. Come si vede dal grafico è importante il ritorno al di sopra della linea dello zero per scongiurare una recessione negli States anche se, un vero e proprio cambio di passo, lo avremo solo con una risaluta sopra la media a 30 mesi attualmente posizionata a 11.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 23/01/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655