Il deficit del Sol Calante

Il Giappone ha riportato il suo primo deficit commerciale degli ultimi 30 anni pari a 2.49 trilioni di Yen (32 miliardi di Usd).

Questo evento si è concretizzato in un 2011 colpito dal terremoto di marzo a cui ovviamente ha fatto seguito un forte balzo delle importazioni in contemporanea ad un calo dell’export legato al caro  Yen, praticamente ai massimi storici sul Dollaro americano. 

Se a questo aggiungiamo il contesto economico mondiale in rallentamento e l’aumento dei costi energetici da cui il Giappone dipende in modo consistente, il cocktail è stato micidiale soprattutto per aziende esportatrici come Toyota, Sony e Panasonic alle prese con bilanci tutt’altro che floridi. L’export di merci nel 2011 è sceso del 8% , l’import è salito del 8,1%

Prevedibile a questo punto un nuovo tentativo, per ora sempre fallito, di rendere più competitivo il cambio, tentativo che sta tentando anche di esplorare nuove vie come l’accordo di interscambio commerciale Yen-Yuan raggiunto a fine dicembre con la Cina

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 27/01/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655