In Cina l’inflazione rialzo la testa

In Cina è successa una cosa che nessuno si aspettava, ovvero un ritorno dell’inflazione al 4.5% , dato che ha colpito negativamente gli analisti che si aspettavano un 4%.

Era 6 mesi che il CPI mostrava un trend discendente e questo incidente di percorso potrebbe rimandare misure di allentamento monetario che i mercati stavano già scontando.

I prezzi dei prodotti alimentari sono cresciuti del 10.5% rispetto ad un anno fa, in salita rispetto al +9.1% di dicembre e nel solo mese di gennaio questo incremento è stato del 1,5%. A questo elemento bisogna aggiungere le pressioni salariali che hanno costretto Starbucks e McDonald’s ad aumentare salari , ma anche prezzi dei prodotti finali. Per completare il panorama anche l’aumento del prezzo della benzina da parte del governo.

Minori le pressioni sui prezzi alla produzione con un incremento annuo dello 0.7%.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 10/02/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655