Crollano gli ordini di beni durevoli e la Fed…

Il dato sugli ordini di beni durevol americani i è risultato ad aprile in pesante calo (-4.2%) e guarda caso quasi contemporaneamente la Federal Reserve ha deciso di rendere nota una linea di politica monetaria espansiva praticamente a scadenza indeterminata.

I tassi rimarranno a zero almeno fino al 2014, ma soprattutto Bernanke ha detto che, in caso di necessità, la Fed è pronta a rispolverare le armi di quantitative easing per sostenere l’economia.

I dati dell’ultimo mese hanno in effetti evidenziato un calo dell’inerzia nella ripresa Usa e gli ordini di beni durevoli sono l’ultimo esempio.

Il calo registrato ad aprile è stato il più forte da gennaio 2009, con un arretramento del 1.1% anche sul dato depurato dai trasporti. Gli ordini di beni capitali escluso il settore difesa hanno registrato anch’essi una contrazione dello 0.8%.

Praticamente rispetto a 12 mesi fa il portafoglio ordini delle aziende americane è cresciuto solamente del 1%, un po’ pochino per auto sostenere la crescita.

Dino Martini

Articolo scritto da Dino Martini il 27/04/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655