Commissioni bancarie, arriva l’ok della Camera. Ecco le novità

Tornano le Commissioni bancarie. Questo è stato stabilito con il sì della Camera al disegno di legge di conversione del decreto sulle Commissioni bancarie.  Mentre si attende la conversione in legge, gli italiani imparino a rinunciare al sogno di vedere il totale zero in relazione alle commissioni bancarie in caso di scoperto bancario.

L’ultima modifica, o meglio la cancellazione delle commissioni era arrivata con la manovra finanziaria della fine dello scorso anno in cui si introduceva l’impossibilità per le banche di prevedere commissioni bancarie in caso di conti in rosso. Le polemiche sono state davvero tante e il nuovo provvedimento prevede che le commissioni vengano annullate solo se siano “stipulate in violazione delle disposizioni applicative dell’art. 117-bis del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, adottate dal Comitato interministeriale per il credito ed il risparmio al fine di rendere i costi trasparenti e immediatamente comparabili”.

Nessuna commissione di istruttoria veloce per le famiglie che arrivano a sconfinare di 500 euro o meno per un solo periodo ma mai per più di 7 giorni consecutivi.

Per quanto riguarda l’accesso al credito, invece, sarà istituito un Osservatorio sull’erogazione del credito e sulle condizioni che le banche impongono alla clientela. Infine, nasce anche l’Arbitro bancario finanziario a cui i clienti che riscontrano problemi di accesso al credito non giustificate o simili possono rivolgersi.

Il cliente presentà istanza in forma riservata al prefetto che segnalerà il tutto all’arbitro che si pronuncerà entro 30 giorni.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 19/05/2012
Categoria/e: Primo piano, Soldi e Risparmio.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655