Borsa Italiana, apertura positiva ma durerà?

Un mercoledì incerto è quello che si prospetta per investirori e trader che, dopo le notizie positive sul mercato immobiliare Usa, tornano a comprare. Una situazione ancora incerta e difficile e il fatto che il Governo Monti sembra perdere i pezzi non aiuta.

L’Italia non farà la fine di Spagna e Grecia e di questo dovremo essere più che certi ma con l’aria di crisi che non accenna ad allentare la sua morsa il nostro futuro non può essere più roseo di altri. Intanto, possiamo accontentarci di quello che viene e questa mattina gli indici della nostra Borsa Italiana sono positivi.

In particolare, il Ftse Mib segna un rialzo dello 0,19% a 13.004 punti, ben lontano dai massimi di giornata, mentre il Ftse All Share segna un rialzo dello 0,23% a 13.982 punti. Leggermente positivi, quasi in parità, lo Star e lo Small Cap.

Per quanto riguarda i titoli, in rosso segnaliamo Pirelli (con 3 punti in meno) ed Exor (con un -1,68%) mentre in positivo, troviamo ancora i bancari. In particolare, Banca Pop Milano guadagna oltre 4 punti percentuali, B Pop E.Rom. il 3,70% mentre Mediobanca e Intesa San Paolo mettono a segno un guadagno di due punti.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 13/06/2012
Categoria/e: Borsa Italiana, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655