Borsa Italiana, indici trascinati sul fondo dai bancari

L’euforia per le elezioni greche e per la possibilità di una vita nuova per l’euro è durata poco e si è infranta contro il muro di realtà che riguarda gli altri Paesi ancora in crisi. Questa volta a fare paura sono Spagna e Irlanda e così lo Spread torna a salire e tocca quota 470 punti.

Dopo un’apertura positiva, intanto, gli indici tornano in rosso sotto il peso delle vendite relative ai bancari. In particolare, il Ftse Mib segna un ribasso dello 0,34% al di sotto dei 13.000 punti ma lontano dal minimo di giornata, il Ftse All Share segna un ribasso dello 0,23% al di sotto dei 14.000 punti mentre Mid Cap, Micro Cap e Star ruotano intorno alla parità.

Per quanto riguarda i titoli, in rosso troviamo i bancari con Monte dei Paschi Di Siena in calo di 5 punti, Banca Popolare Milano e Popolare Emilia Romagna in calo di quasi tre punti e Unicredit in calo di due punti e mezzo. In positivo, troviamo Tenaris con 3 punti in più.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 19/06/2012
Categoria/e: Borsa Italiana, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655