Prezzo petrolio in aumento, rischio per i consumatori?

E’ ormai una verità storica il fatto che l’aumento del costo del petrolio ha delle ricadute sul prezzo finale per il consumatore mentre il ribasso del costo no. Se questo è vero potrebbe verificarsi un nuovo aumento del costo della benzina, che ha già passato i due euro a litro.

La paura arriva da oltreoceano dove i rischi di un default Usa mette in movimento anche i prezzi del petrolio che tornano a salire in queste ultime ore a causa dell’indebolimento del dollaro dopo l’arrivo dei dati molto negativi sul manufatturiero.

In particolare il prezzo dell’oro nero è in aumento sul mercato “after hour” con il greggio con consegna ad ottobre in salita di quasi un punto percentuale (lo 0,8%) a  quota 97,25 dollari al barile. In aumento anche il brent quotato a 116,07 dollari  con un rialzo dello 0,3%.

 

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 05/09/2012
Categoria/e: Materie Prime, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655