Recessione Italia, calano Pil e consumi

Sono sempre più brutte le notizie che arrivano riguardo la nostra economica e la possibile recessione del nostro Paese. Tutti continuano a dire che l’Italia non ha bisogni degli aiuti europei ma intanto le cose peggiorano e i nuovi dati Istat non lasciano ben pensare per la nostra economia.

L’Istat, infatti, ha rivisto al ribasso le stime preliminari sul Pil del secondo trimestre 2012 e il dato congiunturale (trimestre su trimestre) passa dal -0,7% stimato a -0,8% mentre quello su base annuale dal -2,5 al -2,6%.

Nel secondo trimestre che va da Aprile a Giugno le famiglie italiane hanno stretto ancora di più la cintura e, in particolare, la spesa dei residenti è diminuita dell’1,0% in termini congiunturali e anche se quella della Pubblica Amministrazione è salita il dislivello resta molto alto (si parla solo dello 0,2%).

Le importazioni di beni e servizi sono diminuite dello 0,4% mentre le esportazioni sono aumentate dello 0,2%. Gli investimenti fissi lordi sono diminuiti del 2,3% e i consumi finali nazionali sono scesi dello 0,7% in tutte le componenti.

In particolare, la spesa per macchine, attrezzature e altri prodotti e’ scesa del 3,1%, quella per mezzi di trasporto del 3,8% e  per le costruzioni dell’1,5%.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 11/09/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655