Mutui Prime, Obama chiede i danni a JP Morgan

Conosciamo tutti lo scandalo Mutui prime, quelli che ci hanno buttato nella crisi e che, soprattutto ha mandato in tilt l’economia americana.

Proprio in questo campo arrivano novità importanti soprattutto visto che siamo in un periodo di battaglie elettorali per il presidente Obama e il suo rivale.

Debito porta debito e gli americani, presto, non sarebbero più riusciti a pagare i mutui spazzatura che la Bear Sterns, e non solo, continuava a propinare loro. La crisi finanziaria ha risucchiato gli americani, e non solo, con la più grande crisi dopo la Grande Depressione e ora Barack Obama chiede il conto.

Stiamo parlando della guerra degli Stati Uniti d’America contro l’importante e maestosa JP Morgan, la banca che nel 2008 ha acquistato per pochi soldi la Bear Sterns. Secondo quanto riportato dal New York Times la guerra potrebbe presto allargarsi ad altre big della finanza che finiranno sul patibolo di una causa civile che avrà importanti conseguenze.

La denuncia presentata, infatti, sostiene che Bear Sterns e la Emc Mortgage hanno deliberatamente truffato gli investitori  con vendite di titoli spazzatura tra il 2005 a il 2007 come se non bastasse la banca costrinse il prestatore dei mutui ca ricomprare in contanti ma senza ridare i soldi ai clienti.

Mentre JP Morgan si dice stupita dell’azione giudiziaria gli americani sperano di recuperare 22 miliardi e mezzo di dollari.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 03/10/2012
Categoria/e: Mutui, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655