Monti si dimette, gli investitori scappano. Crisi alle porte?

Gli italiani hanno messo mano al portafogli, un pò meno lo hanno fatto i politici, ma fatto sta che l’Italia aveva attirato nuovamente la fiducia degli investitori e delle potenze economiche mondiali che oggi tremano e titolano le maggiori testate facendo trasparire la paura per il dopo Monti.

L’annuncio delle dimissioni di Mario Monti spaventa tutti e la febbre si misura proprio dal differenziale tra il Btp e il Bund risalito fino a 355 punti dopo aver toccato quota 300, e anche meno.

Oggi la Borsa Italiana è colata a picco e a metà mattinata gli indici principali segnano cali di oltre tre punti percentuali. Cosa succederà adesso?

Questo è quello che si chiedono tutti e soprattutto gli americani che sul Financial Times possono leggere il titolo «Le dimissioni di Monti agitano l’Italia» con tanto di foto del premier e didascalia «La decisione di Monti di rassegnare le dimissioni da primo ministro è destinata ad innervosire i mercati dopo un periodo di stabilità ed una rinnovata fiducia verso il Paese».

Ironici gli inglesi che parlano di un ritorno “al normale servizio” e pensano ad un Silvio Berlusconi nuovamente pronto ad un’ennesima campagna elettorale.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 10/12/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655