Economia Ue, anche la Germania frena nel finale 2012

Mentre gli altri Paesi Europei arrancano ancora, l’unico punto di riferimento sembra, o meglio sembrava, essere la Germania.

Anche il macina sassi economico del Vecchio Continente, invece, sembra essere stato atterrato, o quasi, dalla crisi e così la stessa Bundsebank nel Bollentino Mensile, fa sapere che la Germania registrera’ una ”evidente” contrazione del Pil nell’ultimo trimestre 2012.

In particolare, si legge: ”La performance economica in Germania nell’ultimo quarto del 2012 non eguagliera’ quella registrata nel corso dell’estate”.

In effetti, se nel terzo trimestre il Pil tedesco era arrivato a salire, su base congounturale, dello 0,2%, adesso tutto sembra essere fermo al palo tant’è che ”gli indicatori economici segnalano una contrazione dell’attivita’ economica fino a fine anno”.

La fase di debolezza dovrebbe essere superata presto tant’è che nello stesso bollettino si evidenzia come la situazione non sia affatto preoccupante. La Bundesbank ha, però, rivisto al ribasso le prospettive di crescita con un Pil che dal +1,6%  scende al +0,4% e si ferma al +1,9% per il 2014.

 

VIA|ASCA

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 17/12/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655