Toyota, costa cara la class action negli Usa

Ancora una batosta per una casa automobilistica anche se questa volta non si tratta dei dati delle vendite ma della mazzata in arrivo a causa di una class action.

Protagonista è Toyota Motor che ha raggiunto un accordo nell’ambito di una class action negli Stati Uniti che gli costerà oltre 1 miliardo di dollari.

La class action in questione riguarda una serie di denunce da parte di alcuni clienti per “accelerazione non intenzionale” dei propri veicoli, circa 16 milioni di Toyota, Lexus e Scion prodotte tra il 1998 ed il 2010.

Nonostante la firma dell’accordo, Toyota non ha ammesso le proprie colpe, ribadendo che non esistono difetti nel sistema di controllo elettronico dell’acceleratore.

La notizia è stata accolta in modo positivo dagli investitori visto che il titolo della società automobilistica ha chiuso con il segno più la seduta odierna alla Borsa di Tokyo con un rialzo dello 0,83%.

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 27/12/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655