Cambi, l’accordo Usa fa bene all’euro

A quanto pare l’accordo sul fiscal cliff fa bene a tutti e non solo alle borse Americane e asiatiche (in rialzo anche oggi) ma anche alla situazione economica in generale.

Se da una parte lo Spread tra Btp e Bund ha salutato l’arrivo del nuovo anno con una consistente flessione aprendo a 307 punti base (dopo la chiusura a 319 punti delle ultime quotazioni del 2012) anche per il cambio euro-dollaro ci sono importanti movimenti.

La moneta del Vecchio Continente è in rialzo sul dollaro, a un passo da quota 1,33 e, precisamente, a 1,329 rispetto agli 1,3192 di lunedi’ sera e 115,899 yen dai 114,45 di due giorni fa.

L’intesa raggiunta negli Usa e che prevede un incremento delle tasse per i redditi individuali  superiori ai 400 mila dollari l’anno ha evitato la recessione ma non un ulteriore scontro sui tagli alla spesa pubblica, discorso rimandato di due mesi.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 02/01/2013
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655