Forex, attenti alla recessione: euro ai minimi

Il fantasma della recessione non molla il nostro Paese e a riprova della situazione molto precaria c’è anche l’euro e la sua discesa a minimi storici.

La moneta unica del Vecchio Continente continua a perdere colpi sia contro lo yen, il cui cambio è sceso fino ad un minimo da due settimane, che contro gli investitori che continuano a ridurre le scommesse  in previsione del vertice del G20 a Mosca.

Lo Yen è in gran spolvero soprattutto in base alle notizie secondo cui la banca centrale nipponica dovrebbe essere meno aperta a politiche aggressive e forse solo con un uomo meno disponibile questo sarà possibile.

L’euro, però, è in lieve calo anche contro il dollaro soprattutto dopo l’arrivo dei dati macro che hanno prospettato una situazione ancora difficile per la zona euro e ben lontana dall’agognata ripresa sperata per la fine di quest’anno o l’inizio del prossimo.

Il Pil di Germania, Francia e Italia ha fatto registrare una variazione peggiore delle attese secondo i dati preliminari.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 17/02/2013
Categoria/e: Forex, Primo piano.



1 commento per “Forex, attenti alla recessione: euro ai minimi”

  1. Marco

    Ma in effetti la recessione in Europa fa pensare ad un euro in discesa rispetto al dollaro anche se le tasse sulle transazioni potrebbe rimettere tutto a posto! Vedremo!

Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655