MPS, tagli del rating e fuga dai conti deposito

Va sempre peggio per Monte Dei Paschi di Siena, i suoi manager e gli investitori che hanno sempre creduto nel titolo dell’istituto senese. Dopo l’annuncio della perdita di oltre 3 miliardi, arrivano i primi tagli al rating.

In particolare, a destare maggiore allarme, è la decisione shock di Exane, broker di Bnp Paribas, che ha pensato bene di effettuare un taglio del 44% del target price sul titolo accompagnandolo da un giudizio di “underperform”.

Secondo Exane, l’istituto non potrà liberarsi del supporto dello Stato prima del 2019 e questo porterà alla mancanza dei pagamenti dei dividendi per questi 6 anni. A ruota sono arrivati anche i tagli di altri broker come Kepler (da 0,22 a 0,13 euro) e Deutsche Bank (da 0,18 a 0,15 euro).

Dal canto suo, MPS fa sapere che dopo lo scoppio dello scandalo ha perso alcuni miliardi dai conti deposito di investitori in fuga. Altre notizie arrivano nel corso del mese visto che per il 29-30 Aprile è prevista l’assemblea dei soci.

 

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 02/04/2013
Categoria/e: Azioni, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655