Inchiesta Fondiaria Sai, arrivano i primi patteggiamenti

Dopo mesi e mesi di indagini, di forse e di ma ecco arrivare le prime certezze in un caso complicato. I primi patteggiamenti nell’ambito dell’inchiesta Fondiaria Sai sono venuti alla luce e sarà di due anni e otto mesi di reclusione e 20mila euro di multa la pensa che toccherà a Giulia Ligresti.

L’udienza, svoltasi questa mattina al tribunale di Torino, ha visto presenti, tra gli altri, anche il procuratore aggiunto Vittorio Nessi e il sostituto Marco Gianoglio, oltre agli avvocati dell’imputata.

Alla pena si aggiungono anche la confisca di alcune polizze assicurative e delle quote della società Pegaso a lei riconducibili nell’ordine di alcuni milioni anche se, al momento, l’ammontare non  stato quantificato.

Nei prossimi giorni sapremo se la reclusione sarà modificata con una detenzione domiciliare o con ore di lavoro socialmente utile soprattutto alla luce della relazione consegnata ai pm torinesi riguardo alle condizioni di salute della Ligresti che sarebbero incompatibili con il regime carcerario.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 04/09/2013
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655