Usa, il tempo sta per scadere e Pechino scalpita

A quanto pare la situazione Usa è sotto la lente da parte di Pechino, l’unica potenza mondiale che può tenere testa a chi per anni ha avuto la supremazia sugli altri e ha sempre chiesto il resoconto su tutti e tutto.

Questa volta a battere cassa è Pechino preoccupata per lo stallo politico ed economico a stelle e strisce. I politici americani sono fermi sulla legge di bilancio e sull’aumento del tetto del debito mentre il tempo va via veloce.

Mancano ormai una decina di giorni prima del ko definitivo che potrebbe spingere Washington verso il default e questo mette in allerta la Cina che in cassa detiene buoni del Tesoro Usa in quantità maggiore rispetto a tutti gli altri Paesi.

Il Governo asiatico chiede all’America di “garantire la sicurezza” dei propri investimenti e, in particolare, il vice ministro delle Finanze di Pechino, Zhu Guangyao, ritiene “che gli Usa preservino l’affidabilita’ creditizia dei propri titoli di Stato” per l’economia globale.

Secondo i dati aggiornati allo scorso Luglio sembra che la Cina sia in possesso di 1.280 miliardi di buoni del Tesoro americani.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 08/10/2013
Categoria/e: New York, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655