Pensioni, 300 in meno a causa della Legge di Stabilità

In quasi dieci anni di crisi continua abbiamo imparato bene che il Governo da ma dall’altra parte prende. Anche in questo caso è così.

Dopo annunci di aumenti per le pensioni minime e di aumenti per gli stipendi, ecco i veri conti che gli italiani dovranno pagare. In particolare, tocca ai pensionati un nuovo salasso di circa 300 euro a causa della nuova Legge di Stabilità che, speriamo, venga modificata durante il suo iter al Governo.

L’allarme è stato lanciato dalla Fipac Confesercenti  secondo cui, per il 2014, ci sarà «una riduzione del reddito disponibile di quasi 300 euro per i livelli di pensione più diffusi» mentre secondo la Spi Cgil sembra che nel triennio 2014-2016 nelle tasche degli italiani resteranno 615 euro in meno a cinque milioni di persone.

Le perdite sono dovute alla somma dell’arrivo della Tasi, i cambiamenti alla perequazione automatica delle pensioni e il mancato incremento delle detrazioni Irpef per i pensionati.

 

Piera Scalise

Articolo scritto da Piera Scalise il 23/10/2013
Categoria/e: Finanza personale, Primo piano.



Lascia un commento

SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655