Sei in Shanghai

La Cina conosce il deficit commerciale

borsa pechinoLa Cina ha conseguito il peggior deficit commerciale dal 1989 con 31.5 miliardi di Dollari di rosso.

La causa di questo dato anomalo per la Cina, è da ricercare nel balzo dell’import salito del 39.6% su base annua e nel modesto incremento dell’export, salito a gennaio di “solamente” il 18.4%.

A questi dati hanno certamente contribuito le festività del capodanno cinese, ma la riduzione del target di crescita al 7.5%  annunciato la settimana scorsa  da Pechino, dà l’idea di qualcosa di più strutturale.

Il precedente record negativo apparteneva al 2004 (- 7.8 mld di $), ma quello che stride nei dati recenti è il forte incremento negli acquisti di petrolio e di rame (addirittura per quest’ultimo il secondo più alto della storia), incrementi raggiunti in un contesto produttivo non esaltante che fanno pensare ad una Cina che aumenta le scorte per proteggersi da shock futuri.

Indici Shangai: analisi tecnica Shangai Composit 02/06/11

Shangai Composite 02-06-11L’analisi tecnica per lo Shangai Composite evidenzia una fine del mese di maggio all’insegna dei segnali negativi per l’indice. Grossa rottura al ribasso in data 23 maggio, che rompe la trendline che sottendeva i minimi crescenti del movimento, seppur lateralizzante.

Quotazioni scese fino 2689 stanno ora correggendo anche vista una situazione di ipercomprato evidenziata dall’oscillatore RSI. Potrebbe essere plausibile un pullback attorno area 2771 prima magari di riprendere a scendere.

Il lato ribassista per lo Shangai Composite vedrebbe in caso di una rottura dell’ultimo minimo a 2689 una discesa verso 2661 e in caso di successiva rottura potrebbe essere lasciato margine di manovra per l’indice nel raggiungimento del supporto situato in area 2579. Area molto rilevante in quanto spesso riconosciuta in passato. Interessante osservare comunque il comportamento nel pressi della trendline di più lungo periodo che congiunge i minimi di fine 2008 con quelli della metà del 2010.

Borse asiatiche in negativo, chiusa Tokyo

I dati sul PIL americano non hanno influenzato le Borse asiatiche che oggi hanno chiuso in in rosso.

In questa giornata di fine settimana manca all’ appello la Borsa di Tokyo visto che oggi è rimasta chiusa per la festività del Showa Day. Anche se il dato americano è stato leggermente superiore alle attese e la chiusura di Wall Street su nuovi massimi triennali, i mercati asiatici non sono riusciti a beneficiarne. Ancora una volta a fare da zavorra ai listini  sono stati i timori di una nuova stretta monetaria in Cina.

In particolare chiude debole Seul che registra una perdita dell’ 1% a 2186,37 punti,   Taiwan cede lo 0,36% a 9007,87 punti, in rosso anche Hong Kong che in prossimità della chiusura perde  lo 0,32%, anche  Singapore si muove in negativo con un -0,27%.

Ultimi articoli commentati

Ultimi articoli pubblicati


SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655