Sei in Indici

Borsa, ecco il mini future sull’indice inglese del Ftse 100

Ancora nuovi strumenti finanziari per investire nella nostra Borsa Italiana, soprattutto per coloro che non hanno paura dei future e quindi di un rischio più alto.

La Borsa Italiana ha annunciato il lancio dei mini future sul Ftse100, l’indice rappresentativo del mercato inglese. Il nuovo strumento è disponibile da oggi sul mercato dei derivati Idem ed è rivolto soprattutto al pubblico dei trader online.

Secondo quanto spiega Borsa italiana in una nota sembra che lo strumento “consente di prendere posizione sull’andamento dell’indice azionario delle maggiori societa’ negoziate sul London Stock Exchange, con un controvalore accessibile e l’euro come valuta di negoziazione”.

E, infine, Borsa Italiana confida nella “presenza di operatori istituzionali garantirà la liquidità del nuovo contratto” e quindi nel successo dello strumento.

Borsa italiana quotazioni, un rally solo correttivo

Nell’ultima settimana la borsa italiana è stata la migliore tra le borse europee e questo può essere spiegato con la positività trasmessa al settore bancario dapprima dall’intervento congiunto delle banche centrali mondiali per assicurare liquidità in Dollari al sistema bancario europeo, poi dalla presentazione della manovra italiana di bilancio.

Essendo la borsa di Milano molto esposta sul fronte bancario le conseguenze sono state quelle di una netta sovra performance rispetto ad esempio al Dax tedesco con una prospettiva tecnico-grafico ancora interessante per i prossimi giorni.

Come si può vedere dal grafico il movimento di rialzo partito a settembre e culminato a fine ottobre è stato in 5 onde, quindi impulsivo e quindi destinato, dopo una correzione puntualmente arrivata in 3 onde, ad essere seguito da un nuovo spunto rialzista con target ideale in area 17 mila punti.

Stoxx 50, fuori i bancari dentro il lusso. Effetti della crisi?

La tempesta dei mercati finanziari non solo ha creato milioni e milioni di perdite ma anche dei “terremoti” negli stessi indici che si adeguano ai tempi che cambiano.

In particolare sto parlando dell’ indice dei 50 principali titoli quotati in Borsa, nei 18 mercati europei, Stoxx Europe 50. A causa della crisi finanziaria di luglio e agosto, gli istituti di credito hanno sofferto molto e così a causa della riduzione della capitalizzazione ridotta ora stono state espulse dal paniere a favore dei titoli legati al lusso.

Per quanto riguarda l’ Italia sono state “declassate”, diciamo così, i titoli di Intesa Sanpaolo e Unicredit che dal 19 settembre saranno cancellate dallo Stoxx Europe 50 a favore, rispettivamente, di LVMH e Air Liquide. In sei mesi Intesa ha perso circa il 48% del valore a Piazza Affari mentre Unicredit, nello stesso periodo, ha perso metà del suo valore scendendo al di sotto di un euro.

Ultimi articoli commentati

Ultimi articoli pubblicati


SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2017 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655