Articolo taggato come : apertura piazza affari

Borsa di Milano, un’altra giornata incerta

A quanto pare il boom di ieri è già solo un ricordo, o almeno sembra. Dopo una chiusura con un rialzo intorno a 4 punti percentuali di ieri, gli investitori cominciano a smorzare i toni e sulla scia di una chiusura debole per Tokyo, anche la Borsa italiana apre debole per poi virare in positivo.

I mercati restano in attesa della importante riunione della Bce di questa mattina proprio sull’ argomento caldo della politica monetaria , dei tassi e dell’ acquisto dei titoli di Stato di alcuni Paesi come Italia e Spagna. In attesa dell’ incontro sarà meglio stare alla finestra e non aprire posizioni uniche soprattutto visto che si muove poco, almeno in queste prime battute iniziali.

Borsa di Milano, prove tecniche di rimbalzo?

Segno più questa mattina a Piazza Affari dove il rialzo degli indici è superiore al 2%.

Giornata positiva a Milano e nelle borse del Vecchio Continente così come in quelle asiatiche. In questa giornata di metà settimana, gli indici provano a rialzare la testa ma si tratta di un’ inversione di tendenza o solo di un rimbalzo tecnico dovuto ai minimi toccati in questi due giorni? Non ci vorrà molto a scoprirlo soprattutto quando la rimaneggiata manovra finanziaria arriverà sul tavolo del Senato preceduto dalla 49esima fiducia chiesta dal Governo Berlusconi.

Pochi minuti fà il Ftse Mib segnava un rialzo del 2,15% a oltre 14.350 punti, il Ftse All Share con un +2,13% arriva a 15.200 punti e il Ftse Sta, con un +2,15% arriva a 9538 punti.

Borsa di Milano, la recessione Usa affonda i bancari

La recessione Usa spaventa e non solo il Vecchio Continente.

Dopo la chiusura in negativo di Tokyo anche le Borse europee faticano a sorridere in questo inizio di ottava e la stessa cosa fà la nostra borsa di Milano che ha aperto in forte ribasso.

I dati scarsi di venerdì scorso arrivati dagli Usa e i timori anche per l’ area euro fanno paura agli investitori che scappano dagli asset italiani mentre lo spread Btp-bund arriva oltre quota 340. Qualche minuto fà il Ftse Mib registrava un calo dell’ 1,70% e la stessa cosa faceva il Ftse All Share. A soffrire di più, ancora una volta, sono i titoli bancari e finanziari con Intesa San Paolo fermo a meno tre punti percentuali e Unicredit con una perdita di oltre 3 punti. Soffronto anche gli industriali con Fiat in pole positiion con oltre due punti percentuali di perdita, seguito da Pirelli.

Ultimi articoli commentati

Ultimi articoli pubblicati


SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2018 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655