Articolo taggato come : BCE

BCE, parola a Mario Draghi sui tassi ed economia UE

Le borse Europee rimangono in attesa di nuove conferme sulla possibile fine della crisi e dei tassi di interesse.

Toccherà a Mario Draghi prenderà la parola oggi nella giornata delle Banche Centrali a cominciare dalla Bank of England e finendo alla Banca centrale europea.

Nessuna novità è attesa nel primo caso visto che la politica monetaria dovrebbe restare stabile con tassi di interesse allo 0,50% e il programma di acquisto di asset a 375 miliardi di sterline. Ma anche nel caso della Banca Centrale Europea sembra che le novità non dovrebbero essere molte anche se qualche analista si aspetta un taglio dei tassi di interesse di un quarto di punto percentuale.

Recessione Spagna, la situazione peggiora

Dopo una settimana di profondo rosso per le Borse Europee e non solo, sulla scia del rischio recessione non molto lontano per Grecia e Spagna, le parole del neo presidente della Banca Centrale Europea sembra aver risollevato gli animi.

A quanto pare, però, la situazione non cambia e dalla Spagna arrivano nuove notizie negative sulla situazione economica dell’Europa e dei suoi Paesi. In particolare, la situazione economica spagnola sembra aggravarsi e, solo nel secondo trimestre, il prodotto interno lordo è sceso dello 0,4% . Un ulteriore ribasso dopo quello dello 0,3% registrato nei primi sei mesi dell’anno.

I dati sono stati resi noti dall’Istituto nazionale di statitica che conferma le previsioni già diffuse nella scorsa settimana dalla Banca di Spagna, ovvero un calo del pil dell’1,5% nel 2012, dello 0,5% nel 2013 e una lieve crescita solo nel 2014.

Tassi di interesse, la BCE taglia ancora di un quarto di punto

La crisi economica ha messo in ginocchio consumi, occupazione e il mondo del lavoro e questo non può far altro che spingere i leader mondiali ad agire.

Dopo lo sforzo fatto all’ultimo vertice UE adesso anche la banca Centrale Europea ha deciso di mettere mano ai tassi di interesse che il mese scorso ha lasciato invariati. Questa volta il quadro economico ha spinto la Banca ad operare una nuova manovra espansiva e, in linea con le attese, ha tagliato di un quarto di punto i tassi di interesse che adesso si collocano all’1,5%.

La Bce, inoltre, ha azzerato i tassi che pratica sui depositi di breve termine custoditi per conto delle banche a partire dall’11 Luglio prossimo. Lo stesso presidente della BCE, Mario Draghi, ha spiegato:

Ultimi articoli commentati

Ultimi articoli pubblicati


SpotLight

Collegati | Copyright 2010-2018 BorsaeFinanza.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655